whatsapp 328-11.89.320

Ogni Click dice Qualcosa di Noi: Internet e la Mancanza di Anonimato

da | Feb 25, 2020 | Marketing, News | 0 commenti

Internet e la Mancanza di Anonimato

 Quando passiamo da un sito all’altro ci seguono decine e decine di pezzettini di software – cookies – che tengono traccia di tutto ciò che seminiamo nella rete;

Risultato: il problema di Internet oggi non è l’eccesso di anonimato, ma semmai il contrario. 

Il 5 luglio 1993 sul settimanale New Yorker apparve una vignetta che raccontava cos’era Internet meglio di tante dotte dissertazioni. 

La firmava Peter Steiner e a questo proposito anni dopo avrebbe detto che lì per lì mica aveva capito di aver creato un meme destinato a durare nel tempo.

In pratica la vignetta era questa: si vedono due cani davanti a un personal computer, e il cane nero, vicino allo schermo e con le zampe anteriori sulla tastiera, dice a quello bianco: su Internet nessuno sa che sei un cane. 

Erano gli albori del web e stavamo scoprendo l’ebbrezza dell’anonimato online, che sarebbe diventato un diritto umano sancito dalla Nazioni Unite molti anni dopo. In realtà Internet si è evoluto in un direzione completamente diversa: il modello di business di Facebook e Google si basa sulla costruzione continua di nostri profili psicologici sempre più dettagliati sulla base di quello che facciamo in rete.

Ogni clic dice qualcosa di noi. 

Quando passiamo da un sito all’altro ci seguono decine e decine di pezzettini di software – cookies – che tengono traccia di tutto. 

E sebbene l’Unione Europea abbia varato norme che ci consentirebbero di scegliere quali dati condividere (il GDPR), quando entriamo su un sito web clicchiamo sbrigativamente per accettare tutto come se fosse una seccatura. Risultato: il problema di Internet oggi non è l’eccesso di anonimato, ma semmai il contrario. 

Sì certo teoricamente possiamo attivare la modalità di navigazione in incognito, oppure cancellare i cookie, o la cronologia. Ma anche così siamo individuabili.

 Lo racconta il Washington Post che ha condotto una inchiesta sui 500 siti più visitati negli Stati Uniti  per scoprire che un terzo – compreso lo stesso Washington Post – prende le impronte digitali del nostro computer o telefonino. 

Si chiamano proprio così, fingerprint, impronte digitali, e sono informazioni in grado di identificare il nostro device con una precisione del 99 per cento. 

Il 23 febbraio del 2015 i due cani sono tornati sul New Yorker, ma stavolta al computer c’era una persona. Il cane nero dice a quello bianco: ti ricordi quando su Internet nessuno sapeva chi fossi?

  • Facebook
  • Twitter
  • Gmail
  • LinkedIn

Non sono un nativo digitale e lo considero una fortuna, perché questo mi ha permesso di comprendere dall'esterno il grande potenziale della comunicazione online. Comunicare online, significa abituare il pensiero a riconnettersi al mondo reale per far leva su ciò che vogliamo migliorare del nostro mondo digitale: perché il marketing non'è più una questione di ciò che produci, ma della storia che racconti; il cliente non si cerca, si attrae

GIANLUIGI BOCCARELLO

Ti potrebbero interessare:

Copywriting: l’Arte di Scrivere Contenuti che Vendono

Il copywriting è l’arte di scrivere contenuti persuasivi, contenuti che vendono qualcosa, sia che si tratti di prodotti, servizi o idee.

In poche parole il copywriting è l’arte di scrivere per vendere.

Le parole comunicano alle persone quello che il tuo business rappresenta, sia esso un canale youtube o una multinazionale da milioni di euro. Ma, andando più in profondità, comunicano quello che tu vuoi rappresentare. Quello che vuoi essere.

Marketing Conversazionale: WhatsApp e Messaggistica Istantanea

Il Marketing Conversazionale e la Messaggistica Istantanea hanno spianato la strada verso nuove forme di comunicazione che solo fino a poco tempo fa erano poco meno che semplici modi di passare il tempo. Oggi la parola d’odine è Marketing Conversazionale sfruttando i canali di messaggistica per di spostare la nostra attenzione sulla persona e non sul brand, perchè quando conversiamo non siamo utenti, siamo persone e le persone si sentono in un ambiente intimo e confortevole, dove portare avanti una conversazione one to one che si sviluppa in base alle loro richieste ed esigenze.

0 commenti

Call Now ButtonContattaci
Share This